19/12/2018 ore 15:50
Città della Pieve: dal 23 al 25 ottobre torna la mostra-mercato "Zafferiamo", cè anche una mostra di Kossuth
Dal 23 al 25 ottobre torna a Città della Pieve “Zafferiamo”, la Mostra mercato dedicata allo zafferano purissimo in fili. Anche quest’anno l'evento avrà un cartellone ricco di appuntamenti. Durante la manifestazione lo Spazio Kossuth riserverà delle aperture straordinarie con un’esposizione speciale di disegni che furono realizzati dal maestro Wolfgang Alexander Kossuth a china zafferano. Nelle opere domina la figura umana femminile, fonte ispiratrice di infinite possibilità espressive. È l’anima a parlare attraverso il corpo, da qui la scelta di Kossuth di riprodurre ballerine in un susseguirsi di movimenti ritmati e modellati, come su un testo musicale. Kossuth si lascia ispirare dall’idea che la modella suggerisce e ne coglie l’anatomia delle masse muscolari e la grazia che la muove. Insieme al mondo della danza, l’esposizione propone anche immagini di bambine, per una visione tutta al femminile dell’arte di Kossuth. L’esposizione straordinaria dei suoi disegni diventa un omaggio significativo all’evento “Zafferiamo” che celebra la cultura espressa dall’antico “croco”. Lo Spazio Kossuth ha inaugurato lo scorso maggio con l’antologica “Kossuth 1981 - 2009”, una panoramica dell’attività artistica del maestro, visitabile anche con le visite guidate del circuito museale di Città della Pieve. Tanti gli apprezzamenti raccolti tra visitatori, esperti d’arte contemporanea ed appassionati, sia italiani che stranieri. Il maestro Kossuth, nelle sue sculture e pitture, ha immortalato in particolar modo illustri personaggi della musica, della letteratura e della danza, come Roberto Bolle, Milva, Valeria Moriconi, Mario Soldati, Alessandra Ferri, Luciana Savignano e Massimo Murru. Nello Spazio Kossuth di Città della Pieve sono esposte 78 opere, tra sculture, quadri e disegni, una narrazione dei momenti significativi del lungo percorso di Kossuth, artista che ha iniziato la sua carriera come compositore e direttore d'orchestra per poi dedicarsi in età matura all’arte figurativa.
19/10/2015 ore 12:35
Torna su