20/09/2019 ore 08:25
Perugia: lo “chef” Marco Bistarelli “testimonial” dei prodotti e della cucina umbra
Si trasferisce a Perugia da Città di Castello l’ormai storico ristorante “Il Postale”, che ha dato fama al cuoco Marco Bistarelli, facendone uno dei “top chef” dell’Umbria e d’Italia. E dal Castello di Monterone, residenza d’epoca, lo “chef” tifernate con il suo secondo Stefano Marconi e il resto della brigata continuerà nella sua opera di valorizzazione dei prodotti tipici agroalimentari umbri, nel ricordo delle antiche ricette rivisitate e ricreate, per fornire un contributo originale all’offerta turistica umbra nel settore della enogastronomia di eccellenza. È stato lo stesso Bistarelli a presentare l’iniziativa, in una conferenza-stampa svoltasi a Perugia presso la sede dell’Agenzia di Promozione Turistica dell’Umbria, insieme all’amministratore unico dell’“Apt” Stefano Cimicchi, al presidente regionale delle “Strade del Vino” Avelio Burini e al giornalista enogastronomico Antonio Boco, collaboratore delle “Guide del Gambero Rosso”: un ristorante “Gourmet” con 14 posti (con un tavolo da quattro collocato direttamente in cucina e servito personalmente dallo “chef”), al quale (in analogia con una tendenza del momento, da Vissani a Marchesi) si accompagnerà una sorta di “Postale Baby”, il “Gradale”, un locale “pret à porter” con menù semplificati e prezzi contenuti, rivolto soprattutto al pubblico giovane. “L’enogastronomia rappresenta una parte consistente della nostra offerta turistica integrata – ha detto Stefano Cimicchi – e benvengano iniziative come questa di Marco Bistarelli, che danno lustro al territorio ed interpretano in chiave moderna la tradizione gastronomica, soprattutto in sinergia con una residenza d’epoca, immersa nel paesaggio. Un fatto che ben riassume – ha sottolineato – la nostra offerta turistica fondata sulla ricerca del benessere e sulla scoperta di un’‘arte di vivere’, declinata lungo lo spettro dei gusti e delle inclinazioni personali”. Marco Bistarelli, già presidente dei “Giovani Ristoratori d’Europa”, 16/20 nella “Guida dell’Espresso” ed una “stella Michelin”, è docente a Parma nella Scuola di Cucina “Alma” di Gualtiero Marchesi e coordinatore di “Umbria Golosa”, un marchio che associa 6 “top chef” umbri (Marco Gubbiotti, Maria Luisa Scolastra, Paolo Trippini, Enrico Ialenti e Giuseppe Rosati), nata con la finalità di presentare una immagine unitaria della gastronomia umbra ad eventi e manifestazioni promozionali in Italia e nel mondo.
15/2/2010 ore 0:31
Torna su