24/08/2019 ore 03:33
Turismo: dati un aumento nel 2007 riguardo ai flussi registrati in Umbria, incrementano rispetto agli anni scorsi sia gli arrivi che le presenze
L’andamento dei flussi turistici in Umbria nel 2007, rispetto al 2006, ha fatto registrare un incremento del +1,8% negli arrivi e del +2,1% nelle presenze. Confrontando i dati 2007 con quelli del 2005, l’incremento che si registra è del +8,7% negli arrivi e +8,1% nelle presenze. Come si ricorderà dal 2005 è partito un trend positivo che conferma l’ordine di grandezza del 10% in tre anni di incremento di presenze come obiettivo strategico ambizioso, ma sostenibile, in considerazione anche del fatto che tutto ciò è avvenuto in un contesto nazionale non sempre favorevole. Per quanto riguarda la distribuzione dei turisti nelle varie tipologie ricettive, nel 2007 rispetto al 2006, l’incremento negli esercizi alberghieri è stato del +0,7% negli arrivi e del +0,8% nelle presenze; mentre negli esercizi extralberghieri l’aumento registrato è stato più consistente: +4,8% negli arrivi e +3,7% nelle presenze. In particolare, nel settore alberghiero, l’incremento positivo degli arrivi si è avuto negli alberghi a 3 stelle (+0,9%) e 4 stelle (+5,3%); mentre l’incremento delle presenze si è avuto negli alberghi a 4 stelle (+11,3%) e 5-5 stelle lusso (+2,6%). Nel settore extralberghiero, un incremento degli arrivi si è avuto nei Campeggi e Villaggi turistici (+11,1%) e negli Agriturismi (+2,4%); mentre l’aumento delle presenze si è avuto negli Affittacamere e Case e appartamenti per vacanza (+8,1%), nei Campeggi e Villaggi turistici (+25,6%) e nell’insieme delle “altre tipologie” (+0,4%).
Con riferimento alla provenienza, nel 2007 rispetto al 2006, l’aumento dei turisti stranieri è più consistente rispetto a quello degli italiani ed è pari al +3,7% negli arrivi e +5,0% nelle presenze; mentre l’incremento dei turisti italiani è del +1,1% negli arrivi e del +0,7% nelle presenze, con una percentuale negativa nelle presenze del settore alberghiero. Per quanto riguarda il mercato interno, i turisti di Lazio, Campania e Lombardia si confermano ai primi tre posti in relazione alle presenze sviluppate nel corso del 2007 e, in particolare, si è avuto un sostenuto incremento dei turisti dalla Lombardia (+ 3,9% arrivi e +7,4% presenze), dal Lazio sono aumentati gli arrivi (+1,2%) e diminuite le presenze (-0,9%), mentre una situazione inversa si è avuta dalla Campania, con un calo di arrivi (-0,7%) e un aumento di presenze (+05%). Da segnalare il risultato positivo dei turisti dalla Puglia (+5,5% arrivi e +5,2% presenze). Per quanto riguarda il mercato estero, Paesi Bassi, Germania e Stati Uniti si confermano ai primi tre posti in relazione alle presenze sviluppate nel 2007 e, in particolare, rispetto al 2006, si è avuto un notevole incremento di turisti dai Paesi Bassi (+12,1% arrivi e +11,4% presenze), un discreto calo da parte dei turisti dalla Germania (-8,9% arrivi e -5,1% presenze) e un leggero aumento di quelli provenienti dagli Stati Uniti d’America (+1,3% arrivi e +2,0% presenze). Da segnalare anche l’incremento dei turisti dal Regno Unito (+3,0% arrivi e +3,2% presenze). Dall’analisi delle statistiche generali degli accessi al portale regionale per la promozione del turismo, dell’ambiente e della cultura www.regioneumbria.eu emerge che nel corso del 2007 rispetto al 2006 c’è stato un lieve aumento del numero dei visitatori (+0,3%) e, soprattutto, che sono notevolmente aumentate le pagine consultate (+45,9%), indice del verificarsi di una “fidelizzazione” dei visitatori al portale, che diventa un mezzo di comunicazione e informazione sempre più importante.
Per quanto riguarda la provincia di Terni si sono registrati aumenti del 2% delle presenze turistiche e dell'1,3% degli arrivi; incremento dell'1,9% dei turisti italiani e del 2,3% di quelli stranieri. "Il positivo andamento del flusso turistico, ha affermato l'assessore provinciale al turismo, Fabio Paparelli, è il frutto del lavoro di integrazione pubblico-privato concretizzatasi in un sistema turistico capace di elaborare progetti competitivi anche in mercati internazionali".
1/5/2008 ore 11:12
Torna su